Comune di Amatrice » Folclore e Tradizioni
  • Home
  • Folclore e Tradizioni

Folclore e Tradizioni

ma-trù

Il Gruppo “MA – TRÙ” di Amatrice, nato nel 1989, a differenza della stragrande maggioranza dei gruppi folcloristici italiani, vuole proporre forme espressive vere e vive della tradizione dell’Alta Sabina e delle aree Appenniniche limitrofe.

I balli, le musiche ed i canti sono autenticamente folcloristici e vengono riproposti in forma inalterata, grazie alla continua consulenza di alcuni studiosi di musica e danza etnica. Gli strumenti usati sono quelli presenti ancora oggi nella tradizione locale: la zampogna ad ancia semplice con due canne di canto e un grosso otre di pelle detta “ciaramelle”, l’organetto a due bassi e il tamburello. Gli abiti indossati sono una fedele ricostruzione dei costumi sabini dipinti dal Pinelli intorno al 1820/30.

Nelle esibizioni del gruppo “MA–TRÙ”, basate principalmente sulle danze popolari della Sabina e dell’Appennino Centrale, splende il brioso ma frenetico saltarello amatriciano. Il ritmo rapido e il vigore fisico con cui è eseguita la ricca varietà di “passi” fa si che lo svolgimento di ogni coreografia si compone generalmente di tre parti: saltarello, spuntapiede e giro. Oltre al salterello il Gruppo si esibisce in altri balli: la quadriglia, il ballo della sala, il ballo in sei, la manfrina, il ballo dello schiaffo ecc.

Il Gruppo “MA–TRÙ” ha partecipato a numerose rassegne in Italia e all’estero ed è membro del CIOFF (Conseil International des Organisations de Festivals de Folklore et d’Arts Traditionnels). Inoltre ha preso parte a varie trasmissioni televisive.

Per informazioni: tel. 0746/825604-0746/826247

The “MA – TRÙ” group of Amatrice, established in 1989, unlike the vast majority of Italian folklore groups, aims to present real and living forms of expression of the traditions of the Alta Sabina (Upper Sabina) and the neighboring Apennine areas.

The dances, music and songs are authentic folklore, and are reproposed in an unaltered form, thanks to continuous consultations with scholars of ethnic music and dance. The instruments used are those still present today in the local tradition: the zampogna ad ancia semplice (simple reed bagpipes) with two sounding pipes and a large leather windbag called the ciaramelle; the organetto a due bassi (an accordion with two bass buttons); and the tamburello (tambourine). The clothes worn are a faithful reproduction of the costumes from the Sabina area as painted by Pinelli in about 1820/30.

In the shows put on by the “MA–TRÙ” group, based mainly on the popular dances of the Sabina and the Central Apennine, the lively and frenetic saltarello amatriciano stands out. The rapid rhythm and physical vigor with which this dance is performed and the rich variety of “steps” ensure that each performance generally consists of three parts: the saltarello, the spuntapiede and the giro. In addition to the saltarello, the Group also performs other dances: the quadriglia, the ballo della sala, the ballo in sei, the manfrina, the ballo dello schiaffo, etc.

The “MA–TRÙ” Group has participated in numerous exhibitions in Italy and abroad and is a member of the CIOFF (Conseil International des Organisations de Festivals de Folklore et d’Arts Traditionnels). They have also performed on numerous television shows.

For information: tel. 0746/825604 – 0746/826247